NEWS

Aggiornamenti su:

Il Pozzo di Giacobbe ringrazia il vescovo Paul

 

22 marzo 2019 Nella giornata che le Nazioni Unite dedicano all’acqua, il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen dà la triste notizia della scomparsa (il 21 marzo) di mons. Paul Vieira, vescovo di Djougou, diocesi del nord del Benin, in Africa occidentale.

Il vescovo Vieira, per tutti “don Paolo”, ha accompagnato in questi dieci anni il Pozzo di Giacobbe alla scoperta delle povertà e delle ricchezze umane dell’Africa. Fermo nelle sue convinzioni, uomo di dialogo, paziente nella malattia che gli è stata a lungo compagna di strada.

Nella diocesi di Djougou il Pozzo di Giacobbe ha contribuito a scavare diversi pozzi per l’acqua potabile. Ultimamente sono stati inaugurati, in due villaggi, il pozzo dedicato a Josef Mayr-Nusser e quello dedicato alla Luce della Pace di Betlemme.

 

Nato nel luglio del 1949, Paul Kouassivi Vieira era stato ordinato sacerdote da papa Paolo VI nel 1975. Fu alcuni anni a Roma, a fianco del cardinale beninese Barnardin Gantin. Poi chiese di ritornare tra la sua gente, nella sua terra. Nel giugno del 1995 papa Giovanni Paolo II gli affidò la neonata diocesi di Djougou. Don Paolo cominciò la sua azione pastorale dal nulla, dapprincipio senza nemmeno una casa, e lascia oggi una diocesi che è segno di speranza, dialogo e impegno per la promozione umana.

 

 

Il Pozzo di Giacobbe promuove buone pratiche

27 febbraio 2019 – Si è svolta a Merano, presso la parrocchia di S. Spirito, l’assemblea ordinaria del Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen onlus. Un’occasione per fare il bilancio dell’attività dell’anno passato e per dare uno sguardo al futuro. L’associazione ha lavorato per cercare, far conoscere, sostenere economicamente le persone che operano per la promozione umana in situazioni di frontiera tra culture, lingue e religioni o che lavorano per la pace, la giustizia, il rispetto dei diritti umani (con particolare attenzione alla situazione delle donne e dei bambini), lo sviluppo sostenibile, l’uso di fonti energetiche alternative, il rispetto dell’ambiente. In particolare sono stati realizzati due pozzi in Togo (con il contributo della Regione), uno in Burkina Faso e quattro in Benin, uno dei quali dedicato a Josef Mayr-Nusser, un altro alla Luce della Pace di Betlemme. Sempre in Benin è stato sostenuto un progetto per la raccolta e il riciclaggio dei rifiuti nella città di Natitingou con l’acquisto di un’auto necessaria alle attività di formazione. Analogo progetto si è concluso in Burkina Faso, dove è stata avviata un’attività di sensibilizzazione allo scopo di prevenire forme di radicalizzazione violenta (con il contributo della Provincia autonoma di Bolzano). Conclusi anche due interventi a favore dell’integrazione dei profughi nel Kurdistan iracheno e in Libano. Sostenuta infine l’opera di accompagnamento a persona malate di Aids in Ciad e in Niger.

Per il 2019 si prevede lo scavo di pozzi in Togo, Benin e Camerun, il sostegno all’EcoCentro di Natitingou, la promozione di un’attività di produzione di olio di arachidi in Niger e l’avvio del progetto JAM, in Burkina Faso, per la formazione di quadri giovanili nell’ottica della prevenzione dei conflitti, per il quale è stato chiesto contributo alla Provincia autonoma di Bolzano.

Nel complesso l’attività del Pozzo di Giacobbe è volta alla creazioni di reti tra le persone che vedono nel dialogo la risposta al “cattivismo” imperante.
 

Contributi pubblici

19 febbraio 2019 Al seguente link il bilancio 2018 con la tabella che elenca i contributi pubblici ottenuti nel corso dell'anno 2018.

Il link


Speranza nel cuore dell’Africa. I rifiuti si trasformano in vita

 

Agosto 2018 Inaugurato da qualche anno, il piccolo Ecocentro di Natitingou è passato ora alla fase che prevede l’allestimento di un “orto sperimentale”, coltivato utilizzando il concime organico ricavato dalla raccolta dei rifiuti.

Il progetto dell’Ecocentro è dell’associazione VEA (Valeurs, Espoir pour l’Afrique) di Natitingou, città del nord del Benin, nella regione dell’Atacora. Le infrastrutture (il pozzo, i magazzini, i mezzi di trasporto) sono state finanziate in buona parte in collaborazione con il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen, il gruppo altoatesino che promuove umanità e cultura, dialogo e incontro fra tradizioni, in diversi Paesi dell’Africa occidentale. Hanno contribuito la Provincia e la Regione.

Il progetto consiste nell’organizzazione della raccolta differenziata dei rifiuti, cosa che ancora non avviene ad opera delle istituzioni pubbliche, e nella loro valorizzazione. Vetro, metallo e plastica vengono ripuliti e venduti, la parte organica, che è prevalente, è avviata all’impianto di compostaggio. Si produce anche biogas. Il concime che si ricava è anch’esso venduto o utilizzato appunto per l’orto. L’Ecocentro diventa così un luogo di apprendimento per le scuole che lo visitano, dove i bambini imparano a trattare correttamente i rifiuti e a rispettare il loro ambiente.

Il Centro, dice Christine Nyemek che lo anima, “vuol essere un piccolo modello di gestione integrata dei rifiuti per tutto il Benin. Non è facile, ma proseguiamo con speranza”.

Chi volesse dare il suo contributo, può farlo utilizzando il conto corrente del Pozzo di Giacobbe (Iban: IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000).

 

Pozzo dedicato a Josef Mayr-Nusser

Giugno 2018 C’è un villaggio nel Nord del Benin (Africa occidentale) che si chiama Kodowari. In quel villaggio si è scavato un pozzo il quale è stato dedicato a Josef Mayr-Nusser. L’iniziativa è del Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen, gruppo che si impegna a favore delle persone che operano per la promozione umana in situazioni di frontiera tra culture, lingue e religioni. “Vogliamo condividere e incoraggiare il lavoro di questi amici, facendoli conoscere e sostenendoli economicamente: con la realizzazione di pozzi per l’acqua in Africa, con iniziative di cooperazione allo sviluppo, finanziando progetti che promuovano ovunque il dialogo tra le culture”.

Malgrado le difficoltà, spiega il vescovo di Djougou, diocesi in cui si trova il villaggio, “lavoriamo per un dialogo di pace, di comprensione di accettazione reciproca”.

Josef Mayr-Nusser anche in Africa è testimone per chi crede nel bene e opera per il bene comune.

 

Giornata mondiale dell'acqua

Ricorre il 22 marzo la Giornata mondiale dell’acqua potabile. Proprio in questi giorni si concludono i lavori per la realizzazione di quattro punti d’acqua in Togo e in Benin.

Si tratta, in Togo, di due perforazioni in due villaggi periferici della parrocchia di Akparé, dove opera don Emmanuel Koutolbena, il sacerdote che ogni estate è a Merano per dare una mano nella parrocchia di S. Spirito. Le due perforazioni sono state finanziate attraverso le offerte dei parrocchiani e il contributo della Regione Trentino Alto Adige.

I due villaggi sono Madjamakou e Illama e i lavori sono stati realizzati a cura dell’equipe idraulica della Caritas diocesana di Atakpamé.

Altri due pozzi sono stati realizzati nella diocesi di Djougou, in Benin, precisamente nei villaggi di Kodowari e Botou.

In tutti questi casi i punti d’acqua sono anche luogo di incontro e di condivisione per popolazioni che appartengono a diversi gruppi culturali e a diverse tradizioni religiose.

 

Contributi pubblici
1
5 febbraio 2018
Al seguente link il bilancio 2017 con la tabella che elenca i contributi pubblici ottenuti nel corso dell'anno 2017.

Il link

 

Vespro intorno al pozzo
10 dicembre 2017 – Il Vicario episcopale don Michele Tomasi racconta come sta cambiando la diocesi di Bolzano-Bressanone.

Cooperazione allo sviluppo
10 agosto 2017 – Il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen con i sui partner a Natitingou in Benin e a Dori in Burkina Faso si impegna per ridurre gli impatti negativi dei rifiuti di plastica sulla salute dell’ambiente e degli animali e migliorare l’ambiente di vita delle comunità. Con il sostegno dell’Ufficio affari di gabinetto (cooperazione allo sviluppo), l’associazione ha realizzato un progetto a Natitingou volto ad ampliare la raccolta differenziata, un progetto a Dori per introdurre un sistema di raccolta di plastica non biodegradabile e uno scambio di esperienze tra i partner dei due progetti.

Il link

 

Acqua pulita per Akparé

La scorsa estate il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen aveva lanciato una campagna per dare al villaggio di Akparé, in Togo, un punto d’acqua, dato che il bacino artificiale oggi presente si secca nei primi mesi dell’anno e le persone sono costrette a bere acqua putrida.

Ad Akparé è parroco don Emmanuel Koutolbena, che nei mesi estivi, da qualche anno, dà una mano in parrocchia a S. Spirito (Merano). La raccolta fondi in chiesa e attraverso altre donazioni (integrata col contributo della Regione Trentino Alto Adige) ha consentito di realizzare non solo uno, ma due punti d’acqua. Uno di essi, vicino alla scuola, dà da bere anche ai molti alunni che la frequentano.

Dal Togo, assieme alle foto, arriva il grazie di don Emmanuel a tutti coloro che si sono impegnati, da parte sua ma soprattutto da parte dei bambini e delle donne a cui beneficio vanno ora i due punti d’acqua.

 

Pozzo di Giacobbe: “Aiutare? Meglio: cambiare insieme”

“Dobbiamo ‘aiutare’ l’Africa? No, dobbiamo rispettarla. Ha senso dare denaro, realizzare progetti, fare cose nei paesi poveri? Sì, ma ha più senso ascoltare, camminare insieme, cambiare noi stessi mentalità e stili di vita”. In questo spirito si muove il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen onlus, realtà altoatesina che coltiva l’amicizia e collabora attivamente con chi vive e opera in Africa e in altre parti del mondo. “La povertà e le situazioni di violenza nel mondo dipendono spesso dalle scelte e dal modello di sviluppo dei paesi ricchi”.

L’assemblea annuale del Pozzo di Giacobbe si è tenuta a Merano venerdì 24 febbraio. Occasione per fare il bilancio delle attività. Il 2016 ha visto la promozione di progetti nel campo dell’acqua potabile (pozzi in Benin), della creazione di lavoro (itticoltura e apicoltura in Mali), della tutela dell’ambiente (raccolta differenziata dei rifiuti in Benin e Burkina Faso), della sanità (medicine per il Ciad) e dell’educazione al dialogo interreligioso (in Burkina Faso e Alto Adige). Per il 2017, oltre agli interventi in questi stessi settori (ad esempio due importanti punti d’acqua in Togo), sono programmati un progetto nel Kurdistan iracheno per favorire la formazione e l’inserimento lavorativo dei profughi di Erbil e Kirkuk e un intervento a Beirut, in Libano, a sostegno delle popolazioni locali e immigrate, nell’ottica del dialogo interreligioso e interculturale.

 

 

Christine, una “altoatesina a distanza” da votare

1 settembre 2016 C’è una “altoatesina a distanza” tra i candidati del Premio del Volontariato internazionale indetto dalla Focsiv, la federazione nazionale che raccoglie le organizzazioni presenti con volontari nel mondo. Tra queste il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen, che ha candidato e invita a sostenere Christine Ngo Nyemek, donna africana protagonista di scelte coraggiose e di progetti innovativi.

Nata nel 1974 in Camerun, Christine Nyemek vive nel Nord del Benin. Fin da molto giovane, in Camerun, si è impegnata nell’ambito dell’animazione socioculturale e nella promozione culturale dei giovani. Ha raccolto esperienze in Italia, dove ha svolto due anni di volontariato, si è formata nell’animazione interculturale e ha conosciuto André, beninese, con cui si è infine sposata nel 2003. 

Nel 2004 Christine e André hanno deciso di tornare in Africa (scegliendo la città di André, Natitingou, in Benin) con l’idea di mettersi a disposizione della loro gente e collaborare allo sviluppo della comunità. Da allora ha seguito progetti di cooperazione, si è occupata della promozione femminile e di “gastronomia solidale”, ha poi lanciato – assieme al Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen – il progetto di un EcoCentro, della raccolta differenziata dei rifiuti e della sensibilizzazione nell’ambito della tutela dell’ambiente. 

Christine è madre di 6 figli e accoglie attualmente nella sua casa altri 7 bambini senza famiglia. Sulla pagina web della Focsiv un breve video e ulteriori informazioni.

Per votare per Christine è sufficiente registrarsi all’indirizzo premiodelvolontariato.focsiv.it e seguire le istruzioni.

 

Il video

 

 

Serve acqua per Akparé

1 agosto 2016 – Inaugurato nel villaggio di Megbeadzré, in Togo, il pozzo realizzato nei primi mesi di quest’anno grazie alle offerte raccolte la scorsa estate dalla comunità di Santo Spirito di Merano. Megbeadzré è uno dei villaggi in cui don Emmanuel Koutolbena, ospite per alcune settimane della parrocchia meranese, ha svolto la sua attività di pastore.

L’acqua, presso la comunità di don Emmanuel, continua a rappresentare un problema grave. Il gruppo di meranesi che ad inizio anno hanno visitato il villaggio di Akparé (sede della parrocchia), assieme al Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen, lo ha potuto verificare con mano. A poche decine di metri dalla chiesa c’è un bacino artificiale che raccoglie l’acqua delle piogge. Il laghetto in gennaio è già ridotto ad uno stagno dall’acqua putrida. “Abbiamo visto con i nostri occhi donne e bambini scavare nella terra per trovare qualcosa da bere”.

Per questi motivi ora si raccolgono contributi per realizzare un punto d’acqua ad Akparé. Si tratterà di una perforazione dal costo di circa diecimila euro. Le offerte si raccolgono nella chiesa di Santo Spirito oppure sul conto corrente del Pozzo di Giacobbe (Iban:  IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000, causale: Pozzo Togo).

Il video sullacqua con le immagini della zona della perforazione

Le immagini della zona della perforazione

 


Premio del Volontariato internazionale, Focsiv

 

 


Appello per un’Europa solidale

9 maggio 2016 – Il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen aderisce all’Appello per un’Europa solidale.

Il testo dell’Appello

 

Giornata mondiale dell’acqua

22 marzo 2016 – Il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen, già a partire dal suo nome, riconosce l’importanza fondamentale dell’acqua, sia come elemento materiale indispensabile alla vita, sia come simbolo che rappresenta ciò che è essenziale all’esistenza umana, alla comunicazione, all’incontro.

Il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen celebra la Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo nell’Anno giubilare col breve videoHo avuto sete e mi avete dato da bere.  

Da anni l’organizzazione meranese è attiva su vari fronti, tra questi quello del diritto all’acqua. Nel corso del 2015 ha contribuito alla creazione di un punto d’acqua (una perforazione con pompa solare) presso la scuola S. Monica di Dosso in Niger e di tre pozzi in altrettanti villaggi del Togo. Attualmente, sempre nel settore dell’acqua, si sta allestendo una pompa ad energia solare per l’Ecocentro di Natitingou (Benin), si stanno scavando tre pozzi per l’acqua potabile nel Centro-Nord del Benin e un pozzo in un villaggio del Togo.

Tema della Giornata mondiale dell’acqua 2016 è “Acqua e lavoro”. Il Pozzo di Giacobbe sostiene (con la Caritas di Sikasso in Mali, nell’ambito della campagna giubilare “Il diritto di rimanere nella propria terra”) un progetto di promozione della piscicoltura, attraverso il quale un corretto uso dell’acqua produce posti di lavoro.

 

Vespro intorno al pozzo

13 marzo 2016 – Vespro intorno al pozzo nella chiesa di S. Spirito, ore 17.30.

 

Lo Shabbat di tutti

11 marzo 2016 – Nell’ambito del percorso “Le vie del sacro”, una cena nella tradizione ebraica presso la parrocchia di S. Spirito, ore 20. Organizza il Teatro Cristallo, in collaborazione con la Comunità ebraica, la Caritas e il Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen.

 

 

Colori d’Africa 2016
 

1 febbraio 2016 Immagini della spedizione in Niger, Benin, Togo e Burkina Faso, 2015-2016.

 


Il Burkina prosegue sulla strada del dialogo

14 gennaio 2016 – All’indomani dell’attacco terroristico a Ouagadougou, si apre oggi proprio nella capitale del Burkina Faso una conferenza pubblica sul tema “Humanité et religiosité, quelles relations pour un monde meilleur?” (Umanità e religiosità, quali relazioni per un mondo migliore). All’incontro partecipano attivamente rappresentanti della comunità islamica e delle chiese cristiane. L’evento è particolarmente significativo e diventa una prima autorevole risposta agli attentati di ieri. 
La conferenza è organizzata dall’UFC (Unione Fraternelle des Croyants, che da decenni mette insieme cristiani e musulmani in opere di promozione umana), in collaborazione col Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen e con un finanziamento della Provincia autonoma di Bolzano.
“Siamo invitati a testimoniare che lungi dal dividere le nostre differenze sono occasione di mutuo arricchimento”, dice Francois Paul Ramde, responsabile dell’UFC. “Gli eventi di queste ore ci spingono ulteriormente a dare prova che Dio è amore”. “La cattiva conoscenza delle religioni porta alla violenza, ha sottolineato Wallilaye Kindo, rappresentante musulmano alla conferenza di oggi.
All’inizio della conferenza è stato letto un messaggio del Pozzo di Giacobbe:

Chers amis et amies de l’UFC, chers stagiaires, chers participants à la conference de Ouagadougou,

Ça que se passe en ces jours à Ouagadougou démontre nous qu’il n’y a pas religiosité sans humanité et que l’humanité a besoin des hommes et des femmes de toutes les traditions religieuse pour bâtir ensemble un monde meilleur. 
Nous vous encourageons a continuer sur le chemin de la paix et du dialogue et vous remercions pour votre courage, témoignage et engagement.

Puits de Jacob, Merano

 

Mercatino di Natale

10-12 dicembre 2015 – Il POZZO DI GIACOBBE - JAKOBSBRUNNEN (con l’Operazione Mato Grosso) al Mercatino di Merano.

 

Vespro intorno al pozzo

6 dicembre 2015 – Vespro intorno al pozzo nella chiesa di S. Spirito, ore 18. Tema: l’Anno della misericordia.

 

Viaggio in Africa

27 novembre 2015 – Cena di autofinanziamento per il viaggio in Africa. Chi volesse ancora dare una mano: IBAN: IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000 (Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen)

 

Veglia per la pace

9 ottobre 2015 – „Ich war fremd und ihr habt mich aufgenommen“, “Ero straniero e mi avete accolto”. Veglia ecumenica per la pace; Merano - Ökumenisches Friedensgebet, Meran.

 

Vespro intorno al pozzo

18 settembre 2015 – Vespro intorno al pozzo con don Davide Scalmanini, missionario in Niger.

 

Mercato solidale

12 settembre 2015 – Mercato solidale, Merano - Solidarischer Markt, Meran.

 

Cari amici del Pozzo di Giacobbe...

(9.1.2015) – Cari amici del Pozzo di Giacobbe, liebe Freunde des Jakobsbrunnens, chers amis du Puits de Jacob, oggi il Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen compie i suoi primi cinque anni. Il 9 gennaio del 2010 nasceva formalmente questa realtà che ha man mano coinvolto molti altri amici in Alto Adige e in tutto il mondo.

I tragici fatti a cui assistiamo in questi giorni confermano la bontà e l’urgenza dei motivi che hanno ispirato la nostra azione: l’impegno “a favore delle persone che operano per la promozione umana in situazioni di frontiera tra culture, lingue e religioni. Wir möchten diesen Freunden bei ihrer Arbeit helfen und sie auch wirtschaftlich unterstützen: mit dem Bau von Wasserbrunnen in Afrika, mit Aktionen der Entwicklungszusammenarbeit, mit der Finanzierung von Projekten, welche überall den Dialog zwischen den Kulturen fördern“.

La promozione del dialogo tra culture, lingue, tradizioni religiose è oggi più che mai necessaria ed è una missione, questa, che sappiamo di condividere con moltissime persone. Spesso non ce ne rendiamo pienamente conto perché l’intolleranza e la violenza fanno più rumore del paziente lavoro per la reciproca conoscenza e la collaborazione rispettosa delle diversità.

Danke, merci, obrigado, grazie a tutti coloro che hanno sostenuto i molti progetti realizzati: dal Burkina Faso al Niger, dal Togo al Benin, dal Ciad al Kenia, dall’America Latina al Medio Oriente. Grazie agli amici che, da quei Paesi, ci trasmettono la loro testimonianza di servizio al prossimo. Grazie a chi (singoli e istituzioni) occasionalmente o mensilmente contribuisce con le proprie donazioni a scavare un pozzo, allestire un mulino, organizzare uno stage o un corso di formazione al dialogo.

Herzliche Glückwünsche uns allen, tanti auguri a tutti noi, nell’impegno quotidiano a lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato!

Paolo Bill Valente
 

 

“Chi lavora per il dialogo, lavora per la pace”

Ospite d’eccezione (domenica 7 dicembre) per il Pozzo di Giacobbe e la parrocchia di S. Spirito. L’ambasciatore della repubblica del Benin presso la Santa Sede, il prof. Théodore Loko, ha trascorso la giornata a Merano, per portare la sua particolare esperienza di diplomatico e raccogliere notizie sull’attività dei volontari meranesi. In particolare gli è stato presentato un progetto teso ad avviare la raccolta differenziata di rifiuti nel Nord del Benin, che il Pozzo di Giacobbe sta seguendo da due anni e per il quale è stata lanciata una raccolta di fondi.

Dopo la messa delle 11, al termine della quale l’ambasciatore è intervenuto portato un breve saluto, il prof. Loko ha incontrato il sindaco Günther Januth e il vicesindaco Giorgio Balzarini, assieme al parroco don Gioele Salvaterra e ai responsabili del Pozzo di Giacobbe. “Gli sforzi per la tutela dell’ambiente e quelli per il dialogo interreligioso sono necessari e garantiscono a tutti un futuro di pace”, ha detto.

Nel pomeriggio un ulteriore scambio di esperienze nei locali della parrocchia, alla presenza di una delegazione della parrocchia e del comune di Rivoli, guidata dal parroco p. Marco, e del console onorario d’Austria Mario Eichta, che ha messo felicemente in comunicazione il prof. Loko con la comunità di Merano.

 

Incontri con Josef Mayr Nusser

24 luglio 2014 – La proposta parte da un gruppo di membri del Sinodo: riunirsi una volta al mese per riflettere insieme sulla vita e la testimonianza di Mayr-Nusser. 
Il primo di questi incontri è programmato per giovedì, 24 luglio, alle ore 18, nella chiesetta di San Giovanni in Villa a Bolzano. 
Il prossimo 4 ottobre ricorre il 70° anniversario del rifiuto da parte di Josef Mayr-Nusser di pronunciare il giuramento delle SS ad Adolf Hitler. Il suo “no” fu l’affermazione del suo “sì” alla verità, al primato della coscienza, alla fede nell’amore, un “sì” alla vita e una testimonianza per Cristo a costo della propria vita.
“Col suo ‘sì’ – scrivono i promotori dell’iniziativa nella loro lettera di invito – egli ha molto da dirci, in particolare a chi come noi si è assunto la responsabilità, nel Sinodo, di ridare forma alla nostra fede nella Chiesa e nella società. Per questo vi invitiamo a meditare sulla sua vita e sulla sua testimonianza, a coinvolgerlo nei nostri lavori come il ‘260° sinodale’, ad attingere forza dalla sua esperienza alla sequela di Gesù e a ringraziare Dio per la presenza tra noi di un testimone come lui”.
I prossimi appuntamenti, dopo quello di luglio: 28 agosto, 25 settembre, 30 ottobre, 27 novembre, sempre nella chiesetta di San Giovanni in Villa, alle ore 18. Il 27 dicembre, compleanno di Josef Mayr-Nusser (1910) sarà celebrata una messa alla sua memoria nel Duomo di Bolzano.

Dialogo in Burkina Faso

5 luglio 2014 – Dialogo tra cristiani e musulmani in Burkina Faso: la tesi di dottorato di don Arcadius Sawadogo.

Il link

 

Grazie a Martin e Andrea

Venerdì 13 giugno, alle 18.00, nella chiesa evangelica di Merano, ci sarà una cerimonia per salutare e ringraziare il parroco Martin Burgenmeister e sua moglie Andrea, coi quali abbiamo camminato e collaborato in questi anni, in un clima di amicizia e rispetto.

 

Lunga notte delle chiese

Si tiene nella serata del 23 maggio la seconda edizione della “Lunga notte delle chiese”. Avremo alcuni nostri appuntamenti della chiesa di Santo Spirito a partire dalle 19 (Presentazione del libro su Mayr-Nusser, sui segue l’intervento dei ragazzi del clan Help, “Storie di coraggio”, alle 20.30, e più tardi Paolo Toldo Quaresima racconterà le vicende di alcuni santi raffigurati in chiesa).

Il programma

 

Cena interculturale

Il 16 maggio, a partire dalle 17, alla residenza Kallmünz di piazza Rena, la Caritas organizza una serata interculturale a base di musica e gastronomia. Siamo tutti invitati a partecipare e, chi può, a dare una mano

 

Concerto per il Pozzo

Per iniziativa degli amici del Passirio club (che ringraziamo di cuore), si terrà un concerto del duo musicale Cd&Cd (con anche altri musicisti), venerdì 9 maggio, alle ore 21, al KIMM di Maia Bassa.

Il ricavato delle offerte sarà devoluto al Pozzo di Giacobbe.

 

Baloo a Merano

Domenica 4 maggio potremo salutare a Merano il nostro amico, missionario in Brasile, BALOO (don Pier Giorgio Bellucco). Baloo celebra la messa delle 11 nella chiesa di Santo Spirito a Merano.
 

23 aprile. Il viaggio in Africa al Festival delle Resistenze

 

9 aprile. Delegazione del Pozzo incontra Romano Prodi

 

23 marzo. Vespro intorno al pozzo con Giuseppe Morotti


Spedizione in Africa

21.12.2013 – Sono in partenza per l’Africa (subito dopo Natale) alcuni giovani del clan Help (gruppo scout Agesci Merano 1) che, partecipando ad una spedizione assieme al Pozzo di Giacobbe, visiteranno progetti e persone nei paesi del Burkina Faso, del Niger e del Benin.

In Burkina incontreranno altri gruppi scout e conosceranno il centro per la pace Dudal Jam di Dori. Potranno vedere il nuovo mulino presso Koudougou (Imansgho) ed i pozzi agricoli nel villaggio di Koura-Bagrin. In Benin visiteranno i villaggi dove sono stati realizzati alcuni pozzi e seguiranno gli sviluppi di un progetto per l’avvio della raccolta differenziata dei rifiuti. In Niger saranno ospiti della missione di Dosso, presso la quale sorge la biblioteca, luogo di dialogo, per la quale nei mesi scorsi era stata fatta una raccolta di fondi a livello cittadino. I ragazzi torneranno a Merano il 10 gennaio.

 

Progetti in Togo

21.12.2013 – Sabato 21 e domenica 22 dicembre, nella comunità di Santo Spirito, si darà conto delle offerte raccolte nel periodo estivo a favore delle attività di p. Emmanuel Koutolbena, il sacerdote del Togo che per due mesi si è messo al servizio della parrocchia. Ora, grazie ai contributi dei meranesi, ha potuto acquistare l’automobile di cui il villaggio aveva bisogno e installare un impianto di pannelli fotovoltaici.

 

Prossimi appuntamenti

- 29 novembre, ore 20: Cena di autofinanziamento organizzata dai ragazzi che partono per l’Africa il 26 dicembre.

- 8 dicembre, ore 17.30: Vespro intorno al pozzo. Saranno con noi il parroco della comunità evangelica Martin Burgenmeister e sua moglie Andrea.

 

Verona. Al pozzo di Giacobbe

12.11.2013 – Martedì 12 novembre, presso la sala Africa del centro dei Missionari Comboniani di Verona, presentazione del libro “Al pozzo di Giacobbe” e del documentario “Il dialogo possibile”.

 

Le foto

 

Veglia ecumenica per la pace

9.11.2013 – Nel 75° anniversario della cosiddetta “Notte dei cristalli”, veglia ecumenica a Merano. Appuntamento alla sinagoga alle ore 19.30.

 

Le foto

 


Prossimi appuntamenti

- 2 ottobre. PASSI DI PACE. Da piazza del Grano, Merano, alle 19.30.
- 5-6 ottobre. Incontro a Bolzano dei gruppi che fanno capo al Centro Missionario diocesano.
- RENATO KIZITO SESANA, missionario comboniano, presenta il nostro libro AL POZZO DI GIACOBBE:
* a Rovereto l’8 ottobre, ore 14.30 (Biblioteca comunale)
* a Trento l’8 ottobre, ore 20.30 (Centro ecumenico)
* a Bolzano il 9 ottobre, ore 18.00 (Antico Municipio)
- 11-12 ottobre. A Bolzano le Giornate della Cooperazione internazionale.
- 13 ottobre, ore 17.30. Nella chiesa di S. Spirito, Vespro intorno al pozzo con DON GIOELE.

 

Bruna Menghini a Merano

21.9.2013 – Domenica 22 settembre sarà con noi suor Bruna Menghini. Parlerà della sua esperienza missionaria in Libia e in Tunisia e presenterà il libro “Al pozzo di Giacobbe”, di cui è coautrice. L’appuntamento è nella chiesa di Santo Spirito, alle ore 18.

 

Progetto rifiuti

19.9.2013 – Si conclude nei prossimi giorni la visita di Christine Nyemek in Alto Adige. La signora Nyemek è responsabile, in Benin (Africa Occidentale), di un progetto pilota per la raccolta, la differenziazione e la valorizzazione dei rifiuti urbani. In provincia di Bolzano sta visitando diverse strutture (e uffici) che si occupano dello smaltimento e del riutilizzo dei rifiuti (da Bolzano a Merano, da Vadena a Lana alla Venosta).

Nei giorni scorsi ha potuto incontrare i responsabili del settore anche in Trentino (Comune e Università di Trento), nel Bellunese e nella provincia di Treviso.

Christine Nyemek, martedì pomeriggio, ha raccontato lungamente la sua attività, gli obiettivi della raccolta dei rifiuti e la sua ricaduta positiva sull’economia e sull’ambiente ai ragazzi della FOS Marie Curie di Merano.

Il progetto in Africa, che si svilupperà passo passo nei prossimi anni, è sostenuto dal Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen di Merano e cofinanziato dalla Cooperazione internazionale della Provincia autonoma di Bolzano.

 

Le foto, altre foto

 

Prima “Notte delle chiese”

6.9.2013 – Un viaggio di scoperta nelle chiese di Merano: sabato 14 settembre tutti gli interessati sono invitati alla prima “NOTTE DELLE CHIESE”. Dalle 19.00 alle 24.00 in diverse chiese di Merano sarà offerto un variegato programma che va oltre i confini confessionali e linguistici. Alcuni esempi? Ai bambini, nella parrocchiale di Maia Bassa, verso le 22.30, sarà data la possibilità di una visita della chiesa “con la pila”, dopo aver risposto alle domande del “RELIQUIZ”. Gli adulti potranno seguire un concerto gospel e un’esecuzione d’organo nella chiesa evangelica, visitare la chiesa russo-ortodossa di via Schaffer, seguire il documentario “IL DIALOGO POSSIBILE” e trovare il libro “AL POZZO DI GIACOBBE” presso la chiesa di Santo Spirito (dove saranno offerte anche due visite guidate).

La NOTTE DELLE CHIESE è alla sua prima edizione ed ha come scopo la conoscenza delle varie esperienze cristiane presenti in città.

 

Su Facebook

 

Presentazione del libro “Al pozzo di Giacobbe”

25.8.2013 – Il libro “Al pozzo di Giacobbe” sarà presentato giovedì 29 agosto a Terzolas (TN) nell’ambito della Scuola di formazione estiva della Rosa Bianca.

Il volume, edito da Il Margine, raccoglie contributi di diversi importanti autori a commento del passo evangelico che racconta del “dialogo rivoluzionario tra Gesù e la Samaritana.”.

 

Altre info

Pagina FB

 

Carovana della Pace e Documentario sul “Dialogo possibile”

2.8.2013 – La Carovana dei giovani per la pace parte da Dori (Burkina Faso) mercoledì 3 luglio. Un’iniziativa particolarmente significativa, dato che tocca territori attualmente colpiti dalla guerra (come il Mali) e dalle sue conseguenze. L’iniziativa è dell’Unione Fraternelle des Croyants (UFC, Unione fraterna dei credenti) di Dori, organizzazione formata da cristiani e musulmani che, nata nel 1969, promuove il dialogo interreligioso.

Ad ogni tappa sarà mostrato (oppure trasmesso dalla televisione) il documentario che racconta questa importate esperienza di dialogo. Il filmato è stato realizzato dall’UFC insieme al Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen di Merano (con contributi della Fondazione Cassa di Risparmio e della Provincia autonoma di Bolzano).

La Carovana per la Pace si tiene dal 3 al 16 luglio, parte da Dori (Burkina) con una fiaccolata, passa a Niamey (Niger), rientra in Burkina a Fada N’Gourma, prosegue per Koupela e Koudougou, passa a Sikasso (Mali), torna in Burkina a Bobo e infine approda nella capitale Ouagadougou, dove si chiude dopo un incontro pubblico sul tema “La gioventù di fronte alle sfide della pace e dello sviluppo”. I giovani, di luogo in luogo, propongono alla popolazione la loro esperienza di dialogo e convivenza. Il documentario è disponibile in tre lingue e prossimamente sarà mostrato anche in Alto Adige e altre località italiane.

 

“Una biblioteca di grazie”

20.6.2013 – L’azione era stata lanciata durante la quaresima e si è conclusa (per ora) in occasione del TagliatellaFest. “10 euro per un libro”: con questo slogan sono state raccolte offerte che vanno a beneficio della biblioteca della missione di Dosso, in Niger, dove operano alcuni amici del Pozzo di Giacobbe. La somma raccolta (1.500 euro) è stata consegnata in questi giorni. Diversi meranesi hanno dato il loro contributo e in particolare, nella fese finale, si sono impegnati i lupetti del gruppo scout Merano 1. I ragazzi hanno prodotto piccoli lavori di artigianato e hanno allestito un loro banchetto nei giorni del TagliatellaFest.

La biblioteca si chiama “Barey Ma Zaada”, ovvero “che la conoscenza progredisca”. Un invito rivolto a tutti. È un luogo dove si vuole promuovere il dialogo e la pacifica convivenza tra culture e religioni, creando così, almeno in parte, le condizioni necessarie allo sviluppo umano, economico, politico. Il grazie di don Davide Scalmanini, uno dei missionari, arriva direttamente dal Niger: “Qui in Africa si dice che quando fai un’opera di bene Dio ti benedice, ma quando regali un libro, ogni volta che qualcuno lo aprirà, Dio ti sorriderà... Un libro è un ponte che collega uomini e cuori del passato con quelli di oggi. Il vostro sostegno non è solo un ponte nel tempo, ma è un ponte che collega due mondi, quello italiano e quello nigerino. A tutti… una biblioteca di grazie!”.

 

Vespro intorno al pozzo

11.5.2013 - Sarà con noi don Pier Giorgio Bellucco (Baloo), rientrato per qualche giorno dal Brasile. Dedichiamo il vespro ad un amico, collaboratore volontario, fondatore del Pozzo di Giacobbe, caduto in montagna, attualmente all’ospedale in gravi condizioni.

L’appuntamento è per Domenica, 12 maggio, alle ore 17.30, nella chiesa di Santo Spirito a Merano.

 

Pluralità e cooperazione

21.4.2013 - Doppia presenza del Pozzo di Giacobbe al Festival delle Resistenze, Merano, 28 e 29 aprile 2013.

Il 29 aprile, ore 18 (via Cassa di Risparmio, Merano): Pluralità e territorio. Merano è da sempre una realtà che si è sviluppata all’insegna della “pluralità”. La città, soprattutto dall’800, ha visto nascere comunità appartenenti a diverse tradizioni culturali e religiose. Da quella cattolica a quella luterana, da quella anglicana a quella russo-ortodossa, da quella ebraica a quelle che hanno preso forma in tempi più recenti (espressioni delle culture africane e orientali). Da sempre plurilingue, Merano è luogo di incontro, ma si espone anche al nascere di pregiudizi, che impediscono una vera comunicazione. Settant’anni fa i ragazzi della Rosa Bianca si opposero ad un regime sanguinario che voleva cancellare ogni “pluralità”. E oggi? Tramite immagini, parole, canti e danze i ragazzi del clan “Help” (gruppo scout Agesci) e il “Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen” (con la partecipazione dei rappresentanti della Comunità ebraica di Merano) propongono spunti di riflessione su ricchezza e insidie di una società plurale.

Il 28 aprile, ore 18 (via Cassa di Risparmio, Merano): Cooperazione internazionale e rapporto Nord/Sud. Tre esperienze e tre racconti nello spirito autentico della cooperazione internazionale a metà fra la valorizzazione delle risorse e delle culture dei paesi stranieri e un’esperienza umana forte e vivificante. Un incontro a tre voci, in collaborazione con Ascolto Giovani Merano.

Info: www.festivalresistenze.it

 

Uomini e profeti

14.4.2013 - Su RadioRai la biblista Letizia Tomassone commenta l’incontro al Pozzo di Giacobbe (Gv 4).

Ascolta

 

Acqua

8.4.2013 - La serata (il 16 aprile, ore 19, Università di Bolzano) sarà organizzata utilizzando il metodo del World Café. I relatori siedono intorno a 6 tavoli e i partecipanti possono discutere in maniera informale con loro. L’atmosfera della serata permetterà alle partecipanti, che cambiano tavolo ogni 30 minuti, di confrontarsi e scambiarsi idee ed opinioni intorno alla risorsa acqua. Da un punto di vista dell’agricoltura, ecologia, energia, formazione, cooperazione allo sviluppo e cittadinanza attiva.

Altre info

Il Video

 

Vescovo Joachim

12.3.2013 - Due giornate dense di incontri quelle trascorse in regione (domenica 10 e lunedì 11 marzo) da mons. Joachim Ouedraogo, vescovo della diocesi di Koudougou, in Burkina Faso. Impegnato in opere di promozione umana come l’educazione, la promozione della donna, lo scavo di pozzi e l’agricoltura, il vescovo Joachim guida l’Unione Fraterna dei Credenti, un’organizzazione che dal 1969 lavora nel campo del dialogo interreligioso, creando un clima di fattiva collaborazione fra i cristiani e i musulmani del Sahel. “Il dialogo tra le religioni è possibile e necessario”, questo il messaggio che il presule africano ha portato la domenica nella comunità di Santo Spirito di Merano, dove è stato ospite dell’associazione Pozzo di Giacobbe. Il giorno successivo è stato dedicato ad un ricco scambio di esperienze con l’incaricato diocesano per il dialogo interreligioso, don Mario Gretter, con i responsabili del Centro Missionario Wolfgang Penn e Paola Vismara, con la Caritas diocesana, rappresentata da Heiner Schweigkofler e Judith Hafner, con la Cooperazione allo sviluppo della Provincia autonoma di Bolzano. Significativi gli incontri col vescovo Ivo Muser e il presidente della Provincia Luis Durnwalder. Molto apprezzati anche gli appuntamenti a Trento, nella sede dei media diocesani, con l’arcivescovo Luigi Bressan e, infine, presso il Centro ecumenico dove mons. Joachim è stato bombardato di domande dal pubblico raccoltosi ad ascoltare con vivo interesse la sua esperienza. Rapporti fra Alto Adige, Trentino e Burkina Faso all’insegna di un autentico scambio.


L’intervista a Radio Trentino InBlu

 

 

“10 euro per un libro”

9.3.2013 - Nuova campagna del Pozzo di Giacobbe: “10 euro per un libro”.

Spesso in Africa non ci sono pane, acqua, sanità, istruzione perché, prima ancora, manca la pacifica convivenza tra le persone e tra i gruppi. Promuovere il dialogo e la pacifica convivenza tra culture e religioni crea le condizioni necessarie allo sviluppo umano, economico e politico.

Da pochi mesi a Dosso, in Niger, la locale missione ha aperto una biblioteca che è al tempo stesso un centro culturale. Si chiama “Barey Ma Zaada” (il nome è stato proposto da un ragazzo nell’ambito di un concorso svoltosi in loco). Nella lingua locale significa: “che la conoscenza progredisca”.

La biblioteca è diventata luogo di incontro e di reciproca conoscenza. Offre inoltre strumenti di studio (libri) agli studenti che altrimenti non potrebbero mai disporne.

 

Il ricavato dell’azione “10 euro per un libro” sarà destinato all’acquisto di libri e alla gestione della biblioteca. Chi vuole partecipare può fare la sua offerta con un bonifico sul conto (IBAN) IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000, intestato al Pozzo di Giacobbe.


 

Vescovo Joachim Ouedraogo a Merano e Trento
9.3.2013 - Mons. Joachim Ouedraogo, vescovo di Koudougou (Burkina Faso) e presidente dell’Unione Fraternelle des Croyantes di Dori, sarà a Merano e Trento nei prossimi giorni.
La mattina del 10 marzo, ore 11, celebra la messa nella chiesa si Santo Spirito a Merano.
Nel pomeriggio del 10 marzo, alle ore 17.30, celebreremo con lui un Vespro, sempre nella chiesa di Santo Spirito. Seguirà una chiacchierata durante la quale il Vescovo racconterà la sua esperienza.
Lunedì 11 marzo alle ore 18 si terrà con lui un incontro a Trento, presso il Centro Ecumenico di via Barbacovi 4, col titolo “Dialogo e pace in Africa?”

 

Vespro intorno al pozzo

18.12.2012 - A conclusione del periodo d’Avvento, il Pozzo di Giacobbe invita alla celebrazione di un Vespro. Il momento di incontro sarà presieduto dal nuovo decano di Merano, don Gabriele Pedrotti. L’appuntamento è per venerdì, 21 dicembre, alle ore 20.30, nella chiesa di Santo Spirito.

Intensa l’attività dell’anno trascorso. I volontari del Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen hanno seguito progetti di cooperazione allo sviluppo e di promozione del dialogo, principalmente in Africa, dove sono stati realizzati alcuni pozzi. Hanno cercato di rispondere alla chiamata ad essere costruttori di pace e portatori di speranza in un contesto sociale che invita piuttosto al disimpegno, alla sopraffazione e alla rassegnazione.

 

Passi di Pace

19.10.2012 - Mercoledì 24 ottobre, la sera dalle 19.30, avrà luogo la marcia “Passi di pace”. È la quinta edizione di un’iniziativa che intende promuovere il dialogo e la conoscenza tra le diverse comunità religiose presenti a Merano. Si parte dunque da piazza del Grano e si fa tappa in tutti i luoghi di culto della città, a testimoniare l’unità di tutte le religioni nel comune sforzo di ottenere la pace. Dell’appuntamento si fanno carico il Giardino delle Religioni di Bolzano (responsabile don Mario Gretter) e il Centro Studi Tibetani di Merano (info: cestuti@tiscali.it; cell: 339-6510760). Collaborano all’organizzazione gli scout del gruppo Merano 1.

 

Vespro intorno al pozzo

19.10.2012 - Domenica 21 ottobre alle ore 18.00 si terra un vespro intorno al pozzo nella chiesa di Santo Spirito a Merano. Sarà presente don Gioele Salvaterra.

 

Cittadino onorario

 

3.10.2012 – Toccante cerimonia nell’aula della Camara Municipal (il Consiglio comunale) di Embu das Artes, grosso centro alla periferia di San Paolo del Brasile. Il missionario meranese don Piergiorgio Bellucco è stato insignito della cittadinanza onoraria “per i rilevanti servizi prestati alla collettività”. Un premio, sottolinea “padre Pier”, che è un riconoscimento a tutti coloro che si dedicano agli altri e rendono possibile l’azione dei missionari.

Don Bellucco è in Brasile da trent’anni. I “vereadores” (consiglieri), nei loro interventi, hanno sottolineato la sua dedizione alle fasce deboli della popolazione, ma anche la sua vena artistica che si esprime soprattutto nella musica.

Dopo la realizzazione del centro regionale per l’infanzia, gestito in collaborazione col Comune di Embu, don Bellucco vorrebbe ora costruire una casa per persone senza fissa dimora.

Presenti con i loro messaggi il vescovo Ivo Muser e il vicario Michele Tomasi per la diocesi di Bolzano-Bressanone, Luis Durnwalder e Christian Tommasini per la Provincia, Lorenzo Dellai per la Regione, Giorgio Balzarini e il parroco don Gianni Cosciotti per la città di Merano.

 

“No alla violenza nel nome di Dio!”

 

23.9.2012 – Centocinquanta persone si sono ritrovate domenica sera nel giardino del convento dei Cappuccini a Merano per dire “No alla violenza nel nome di Dio!”. Ovvero no all’uso della religione per giustificare sopraffazioni e uccisioni, come purtroppo avviene anche in questi giorni. Attorno a queste idee si sono riuniti in molti, giovani e adulti, uomini e donne, di lingua italiana e tedesca, di confessione evangelica, ortodossa e cattolica. Un mondo plurale, insomma, che ha risposto all’appello di un gruppo che da mesi lavorava all’iniziativa, composto da Jugenddienst, Comunità evangelica, Comunità del Cenacolo, gruppo di Taizé, Pax Christi, Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen, Scout Agesci di Santo Spirito e Katholische Jungschar.

Man mano che si faceva buio sono state raccontate realtà solo apparentemente lontane: in Siria, in Libia, in Burkina Faso. Tutti luoghi nei quali la scelta tra dialogo e scontro è quotidiana. Un coro plurilingue e pluriconfessionale di giovani ha animato la serata. Sono stati ricordati costruttori di ponti come don Giorgio Cristofolini (di cui ricorreva l’anniversario della scomparsa) e Carlo Maria Martini. Di quest’ultimo si è citata una frase: “Ogni nostro personale superamento di barriere è superamento delle barriere che oggi minacciano di stravolgere l’esistenza degli uomini”. Si è meditata la figura di Isacco e si sono levate invocazioni di pace. Si è infine costruito un simbolico ponte con tutti i nomi dei convenuti, segno della volontà di “andare oltre”.

Presenti anche molti sacerdoti, tra i quali il parroco evangelico Martin Burgenmeister, quello romeno-ortodosso Lucian Milasan, quelli di Maia Alta, Florian Pitschl, e di Sinigo, Salvatore Tonini (con Josef Gschnitzer e Piergiorgio Zocchio), Mario Gretter (responsabile diocesano per il dialogo ecumenico) e i padri Cappuccini, che hanno ospitato degnamente l’evento.

Appuntamenti 
23.9.2012 – Merano - Preghiera ecumenica per la pace

Appuntamenti 
22.9.2012 – Merano - Mercato solidale

Baloo cittadino onorario di Embu 
15.9.2012 – Il missionario meranese don Pier Giorgio Bellucco (Baloo) è stato nominato cittadino onorario di Embu das Artes, la città nella cui circoscrizione si trova la comunità di Santa Teresa, di cui è parroco da molti anni (per “la sua opera di sacerdote al servizio della popolazione più povera, nello sforzo di costruire il regno di Dio qui e ora”).
Maggiori informazioni
 

Visita dal Burkina Faso
 
29.8.2012 – Una giornata densa di incontri quella di Francois Ramde, martedì scorso in visita in Alto Adige. Ramde, responsabile operativo dell’UFC (Union Fraternelle des Croyantes) di Dori, in Burkina Faso, ha incontrato i rappresentanti della Caritas diocesana a Egna, nell’ambito dell’azione “La fame non fa ferie”. La Caritas interviene in Burkina Faso con diversi progetti di cooperazione. Ramde è stato poi ricevuto in Provincia, a Bolzano, dai funzionari incaricati degli aiuti allo sviluppo. La Provincia sta mettendo in atto, proprio a Dori, un intervento in collaborazione con la FAO. Lo specifico dell’UFC, oltre la lotta contro la fame, è la promozione del dialogo tra culture e religioni diverse. Sono seguiti dunque i colloqui con don Mario Gretter (responsabile diocesano per il dialogo interreligioso) e con i responsabili del Centro Missionario diocesano. Prima di ripartire per Monaco e Aquisgrana, in serata Ramde ha incontrato a Merano gli amici del Pozzo di Giacobbe dai quali era stato invitato in Alto Adige.

Progetto raccolta rifiuti

15.7.2012 – Procede bene il progetto per la raccolta dei rifiuti nella zona di Natitingou, nel Nord

del Benin. L’iniziativa affronta la questione ambientale con attività di differenziazione dei rifiuti e con l’educazione a comportamenti non inquinanti. In questi giorni è arrivata la moto a tre ruote necessaria al lavoro. Il progetto viene realizzato grazie a donazioni private e non ha finanziamento pubblico.

Ogni aiuto è più che benvenuto.

 

Concerto, mercoledì sera

Mercoledì 13 giugno, nella chiesa di Santo Spirito (Merano), ragazzi e insegnanti dell’Istituto Musicale Vivaldi dedicano un concerto alle attività del pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen.

Con le musiche di Georg Philipp Telemann ed i testi di Miguel  de Cervantes, la serata sarà dedicata alla figura del don Chisciotte.

“Don Quixotte, parole e musica” vedrà esibirsi “The Spring Orchestra” diretta da Luigi Lupo. Voce recitante e percussioni: Marco Muzzati. Introduce il concerto Elettra Vassallo. Partecipano le classi di Chitarra (S. Morzenti – G. Eccher), Flauto Dolce e Traversiere (L. Lupo), Viola e Violino (R. Federico), Violoncello (E. Dardo), Pianoforte (R. Saccoman – P. Valenti), Tastiera (A. Lorengo) e Contrabbasso (A. Gallesi) dell’Istituto Musicale Vivaldi.

Appuntamento a Merano, chiesa di Santo Spirito, il 13 giugno alle ore 20.30.

Le offerte che si raccoglieranno andranno a favore delle attività in Africa del Pozzo di Giacobbe.

 

Haiti due anni dopo

29.5.2012 – Sabato 2 e domenica 3 giugno nella chiesa di Santo Spirito a Merano è esposta una mostra di fotografie scattate ad Haiti, “a due anni dalla catastrofe”. L’iniziativa è del Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen in collaborazione col Teatro Cristallo di Bolzano. Racconta la situazione nell’isola caraibica il missionario e giornalista Ermanno Allegri. Ne parlerà durante la messa delle 10.30 e poi, con gli interessati, durante il TagliatellaFest che in quei giorni si tiene nel piazzale della parrocchia.

 

Giornata mondiale dell’acqua 

22.3.2012 22 marzo, Giornata mondiale dell’acqua.

Secondo i dati forniti dall’ONU più di un quinto dell’umanità soffre la sete. Cioè non ha accesso sufficiente a fonti di acqua potabile. La conseguenza? Ogni anno milioni di persone muoiono per le malattie provocate dalla mancanza d’acqua.

 

Un pozzo non risolve i problemi del mondo, ma cambia la vita ad un villaggio. Soprattutto se diventa un luogo di incontro e di dialogo.

 

Per aiutare il “Pozzo di Giacobbe” a scavare un pozzo ci sono diverse possibilità:

- Destinare il 5x1000 (codice fiscale: 91048880214)

- Con una donazione (IBAN: IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000 – Ccp: 9437745)

 

Musulmani e cristiani contro le violenze
21.3.2012 I cristiani e i musulmani di Dori (città del Nord del Burkina Faso) dicono no alle violenze compiute in Nigeria per asseriti motivi religiosi. A firmare un appello in tal senso sono il Grande Imam di Dori e quello di Gorom-Gorom, l’amministratore diocesano di Dori e il vescovo di Koudougou.

 

Il comunicato

La dichiarazione

La declaration

 

I giovani coinvolgono la comunità

18.3.2012 Grande partecipazione domenica pomeriggio alla presentazione del viaggio compiuto da otto scout del gruppo Merano 1, tra fine dicembre e inizio gennaio, per seguire i progetti del “Pozzo di Giacobbe” nei paesi africani del Burkina Faso, del Niger e del Benin.
I giovani hanno comunicato in modo molto efficace quanto hanno visto, coinvolgendo i numerosi presenti nel rapporto di scambio e collaborazione che si è instaurato fra l’Africa e l’Alto Adige.
I rappresentanti del Masci meranese hanno consegnato al Pozzo di Giacobbe, che ringrazia di cuore, la somma raccolta in occasione della Giornata del Pensieri. Un grande plauso ai lupetti del branco di Merano che hanno realizzato piccoli lavori col cui ricavato sarà possibile collaborare alla realizzazione di un nuovo pozzo. L’altro progetto per cui si sono raccolte offerte è l’acquisto di una moto a tre ruote per la raccolta dei rifiuti nella località di Natitingou.

 

Le proposte della raccolta fondi

 

Viaggio in Africa e Vespro
10.3.2012 Domenica 18 marzo, alle 17, presso il centro giovani Strike Up (Santo Spirito) di Merano il gruppo dei giovani che è stato in Africa ai primi dell’anno presenta alla comunità i contenuti del viaggio, i progetti visitati e l’esperienza vissuta.
Segue il “vespro intorno al pozzo” (ore 18.45), nella chiesa di Santo Spirito.

 

Appuntamenti
10.3.2012 Sabato 10 e domenica 11 marzo il Pozzo di Giacobbe si presenta nella parrocchia di S. Maria Assunta di Merano.

5x1000
Per versare il 5x1000 al Pozzo di Giacobbe, il codice fiscale è: 91048880214.

Appuntamenti
26.2.2012 - L’assemblea ordinaria dell’associazione “Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen” è stata convocata per il giorno 28 febbraio, ore 20.00.

 

Durnwadler al centro Dudal Jam

19.2.2012 - Il dialogo tra gruppi linguistici e culturali è la premessa indispensabile per un vero sviluppo umano. È questa l’idea in base alla quale, da oltre 40 anni, opera l’Unione Fraterna dei Credenti (UFC). La delegazione altoatesina guidata dal presidente Durnwalder (con gli assessori Theiner e Berger) ha incontrato i responsabili dell’UFC domenica 19 febbraio, nel centro per la pace “Dudal Jam” di Dori, piccola città del Burkina Faso. Il Centro è stato realizzato col concorso del “Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen”. Il “Pozzo” ha fatto da tramite anche per questo summit tra realtà multiculturali. Di fronte ai vertici della Giunta altoatesina c’erano l’Alto Commissario della Provincia del Séno (Saïdou Sankara), il Sindaco della città (Harba Diallo), i responsabili ed i molti giovani dell’UFC. Come riferisce François Paul Ramde, responsabile dei progetti dell’UFC e referente del Pozzo di Giacobbe, la delegazione ha riscoperto a migliaia di chilometri una realtà, come quella altoatesina, in cui “il dialogo e il rispetto rappresentano la pietra angolare”. “Anche da noi – ha detto Durnwalder nel suo breve intervento – convivono tre gruppi linguistici. Di qui l’importanza di promuovere il dialogo per garantire la convivenza pacifica”.

Il Pozzo di Giacobbe collabora con l’UFC da due anni. Con l’aiuto dell’ente pubblico ha contribuito ad organizzazione uno stage internazionale per i giovani e a completare il centro per la Pace “Dudal Jam”. Ora si lavora alla realizzazione di un documentario e allo scavo di due pozzi.

La delegazione altoatesina si trova in Africa dal 16 febbraio per visitare i progetti finanziati dalla Provincia e dalla Regione. Dopo il Burkina Faso, prosegue per il Mali e Capo Verde.

 

Levento visto dall’Africa

 

Di ritorno dall’Africa
10.1.2012 - È rientrata dall’Africa la delegazione di otto meranesi, formata da giovani scout del gruppo di Santo Spirito e da membri dell’associazione Pozzo di Giacobbe. Due settimane molto intense durante le quali sono stati visitati progetti e missioni in Burkina Faso, Niger e Benin. In particolare i giovani si sono recati nei villaggi in cui nel corso del 2011 sono stati costruiti alcuni pozzi ed anche nelle comunità assieme alle quali si andranno a realizzare i progetti del nuovo anno. Numerosi gli incontri con i rappresentanti delle Caritas e delle chiese locali, con i missionari e con altri giovani. In particolare i ragazzi hanno potuto avere momenti di scambio con gli scout del Burkina Faso e del Benin. Come è noto il Pozzo di Giacobbe opera in zone in cui c’è la necessità di favorire un dialogo costruttivo tra gruppi etnici e differenti tradizioni religiose. Non sono mancati perciò le visite ai rappresentati della comunità musulmana, potendo così avere un messaggio di tolleranza proprio nei giorni in cui altrove infuriavano gli attentati di matrice religiosa.
L’esperienza raccolta in queste due settimane sarà ora rielaborata assieme ai gruppi di riferimento e comunicata quanto prima anche alla comunità cittadina.

Notizie dal Niger
31.12.2011 - Clicca qui

 

Buon Natale - Frohe Wehinachten - Merry Christmas

Un semplice augurio di buon Natale.

Che il nuovo anno ci trovi capaci di stupore, di profondità e di impegno.

Herzlichen Dank und ein schönes 2012...

 

Gli amici del (die Freunde des) Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen

 

In partenza per l’Africa

21.12.2011 - A fine anno parte un gruppo di otto persone (in gran parte ragazzi scout di Merano). In programma la visita dei progetti seguiti dall’associazione “Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen” in Burkina Faso, Benin e Niger.

I giovani conosceranno il modo di operare della Caritas locale e di altre realtà in favore delle popolazioni di quei paesi nei campi dell’acqua, dell’educazione e della cultura e potranno essi stessi impegnarsi, nell’arco delle due settimane, in piccole azioni di servizio diretto. Soprattutto potranno vedere coi loro occhi una realtà che poi li aiuterà a capire meglio ciò che avviene a casa propria e ad assumersi le proprie responsabilità di cittadini.

 

Notizie dal Niger
30.10.2011 - Clicca qui

 

Progetto realizzato in Burkina
30.9.2011 - Tougrboulli è un villaggio sperduto del Burkina Faso. Conta poco più di ottocento abitanti appartenenti a tre etnie: quelle dei foulsé, dei peulh e dei mossé. Si tratta di gruppi di pastori, da un lato, di agricoltori dall’altro. In quelle zone così secche l’acqua è motivo di vita, ma può essere anche causa di conflitto. Il progetto promosso dall’associazione meranese “Pozzo di Giacobbe”, concluso da poche settimane, mira proprio a prevenire i conflitti tra gruppi etnici e religiosi. Si tratta di una perforazione del terreno, cui sono collegati una pompa per l’acqua potabile e tre abbeveratoi per gli animali. In tal modo pastori e agricoltori attingono alla stessa fonte senza “pestarsi i piedi”. E il pozzo diventa motivo di incontro. Cose per noi scontate, che però in quel contesto non lo sono affatto. L’acqua contaminata dalla presenza degli animali potrebbe infatti diventare causa di malattia e anche di morte.
Il progetto, che è cofinanziato dalla Regione Trentino Alto Adige, è stato seguito dalla Caritas locale che ne ha la supervisione.

 

Preghiera ecumenica per la pace - Frieden statt Terror
2.9.2011 - L11 settembre, alle ore 20.00, nella chiesa evangelica di Merano.

Quarto Mercato Solidale
16.8.2011 – A Merano, sulla passeggiata coperta (Wandelhalle), quarta edizione del Mercato Solidale, il 10 settembre dalle 10 alle 17.

Il volantino

Notizie dal Niger
8.8.2011 - Clicca qui

Stage su dialogo e pace
29.7.2011 – Si è tenuto a Dori e a Gorom (Burkina Faso) lo stage internazionale “Dudal Jam”, dal 21 al 27 luglio, sul tema “Tolleranza, pace e sviluppo, quali legami per un mondo migliore?”.
Il progetto è sostenuto dal Pozzo di Giacobbe.

Leggi articolo in francese

Notizie dal Niger
11.7.2011 - Clicca qui

Vespro intorno al pozzo

10.7.2011 - Lunedì 11 luglio alle ore 18.00 si terranno il vespro e la chiacchierata intorno al pozzo nella chiesa di Santo Spirito a Merano. Sarà presente don Gioele Salvaterra.

Rassegna stampa
10.6.2011 - Da: Burkina24

Baloo. 50 anni da festeggiare

4.6.2011 - Grande festa domani alla chiesa di Santo Spirito per i cinquant’anni di sacerdozio di don Pier Giorgio Bellucco. Ordinato nel 1961, “Baloo” (detto così per essere stato assistente degli scout) ha passato un periodo in Austria prima di partire missionario per il Giappone. Da lunghi anni risiede in Brasile, alla periferia di San Paolo, dove è parroco della comunità di Sta Tereza. Il mezzo secolo di sacerdozio sarà festeggiato alla messa domenicale che per l’occasione si tiene alle ore 10. Proseguirà all’esterno, dove da è cominciato il tradizionale “TagliatellaFest”.
Gli auguri a don Pier Giorgio sono stati raccolti in un video che è consultabile al link sottostante:
Video Baloo 50

Conto corrente postale

30.5.2011 - Per offerte e donazioni da oggi è disponibile il seguente numero di Conto corrente postale: 9437745.
Resta il Conto corrente bancario
(IBAN: IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000).  

“Rosa Bianca”: nuovo pozzo

25.5.2011 - Consegnati al “Pozzo di Giacobbe” i fondi raccolti con la diffusione del volume “NON DIMENTICARE – Immagini e parole scelte dagli studenti”, destinati alla realizzazione di un pozzo per l’acqua potabile in Benin. Al volume (un progetto didattico curato da Francesco Pugliese) sono giunti anche gli apprezzamenti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, dell’Anppia nazionale, dell’Anpi di Roma e di Novi di Modena.

Da sottolineare l’impegno profuso nella sottoscrizione dalle classi II, III e IV del Liceo sociale, delle prime del nuovo indirizzo Costruzioni Ambiente Territorio e della I C Liceo delle Scienze umane; fondi raccolti a scuola e tra la popolazione delle Valli, ma non solo. Contributi hanno donato la Cassa Rurale Centrofiemme e le insegnanti della scuola primaria di Cavalese; contributi sono giunti anche da altre regioni.

Pozzo in Niger

24.5.2011 - Inaugurato a Goubawa (ai primi di aprile) il pozzo realizzato col sostegno del Pozzo di Giacobbe, cofinanziato dalla Provincia di Bolzano. L’acqua è stata trovata a 60,65 metri e lo scavo è proceduto fino a 67 metri. La qualità dell’acqua è stata certificata pubblicamente dai responsabili dei laboratori statali. Il pozzo consente alla popolazione di attingere acqua e rappresenta un punto di incontro per le etnie di popolano il villaggio o gravitano stagionalmente intorno ad esso.
 

Altre immagini su Facebook

Incontro delle famiglie a Tiberiade

10.4.2011 - Famiglie delle comunità di lingua ebraica e russa si sono incontrate per due giorni a Tiberiade per discutere l’educazione cristiana dei loro bambini. L’incontro si è svolto presso l’ostello Casa Nova a Tiberiade da venerdì 8 a sabato 9 aprile.


Leggi tutto l’
ARTICOLO dal sito del Vicariato per i cattolici di lingua ebraica in Israele.

 

Inaugurato in Burkina il Centro per la Pace

30.3.2011 - Promuovere la pace attraverso il dialogo interreligioso e interculturale, lottare contro i pregiudizi culturali, il fondamentalismo religioso e l’intolleranza. Questi gli obiettivi principali del  centro per la pace “Dudal Jam”, inaugurato il 12 febbraio a Dori, cittadina del nord del Burkina Faso (Africa Occidentale). Al progetto partecipa il “Pozzo di Giacobbe” che ha finanziato alcuni lavori necessari a dare completamento alla struttura.

Dori è una località a prevalenza musulmana. Da molti anni la comunità islamica e quella cristiana hanno trovato i modi per collaborare attivamente alla promozione sociale e allo sviluppo del loro paese. In tal modo il dialogo, altrove ritenuto impossibile, si attua nella concretezza della vita quotidiana.

L’intervento del “Pozzo di Giacobbe” non si ferma qui. Per il prossimo luglio il gruppo finanzierà uno stage di educazione al dialogo che coinvolgerà una trentina di ragazzi, per metà cristiani, per metà musulmani. Si terrà proprio nel nuovo centro “Dudal Jam”.

In tal modo si lancia un ponte tra terre in cui convivono gruppi diversi (l’Alto Adige e il Burkina Faso) rendendo evidente che il dialogo, fondato sulla reciproca conoscenza ed il rispetto, è possibile.
 

Vespro intorno al pozzo
20.3.2011 - Come richiesto mettiamo on-line i testi dei saluti e delle riflessioni letti durante il Vespro intorno al pozzo di domenica 20 marzo.
 

* Testo da Giovanni 4

* Riflessione di don Michele

* Riflessione di don Gioele

* Saluti vari

Baloo50
19.3.2011 - Il video con il quale Merano è stata presente in Brasile per i 50 anni di sacerdozio di “Baloo” (don Pier Giorgio Bellucco).

Per vederlo clicca qui:
 

IL VIDEO

Vespro a Santo Spirito, Merano

17.3.2011 - Domenica 20 marzo alle ore 18.00 si terrà un vespro quaresimale nella chiesa di Santo Spirito a Merano.

Organizzato dal “Pozzo di Giacobbe” per tutta la comunità, il vespro avrà come tema l’acqua, simbolo universale. Il richiamo è anche alla Giornata mondiale dell’Acqua che ricorre il 22 marzo.

La scelta dei testi e le meditazioni saranno di don Michele Tomasi.

L’incontro rappresenta pure un’occasione per partecipare, sia pure a distanza, alla festa del missionario meranese don Pier Giorgio Bellucco che in questi stessi giorni sta celebrando in Brasile il suo cinquantesimo di sacerdozio.
 

Il Pozzo di Giacobbe è ONLUS
1.3.2011 - Il “Pozzo di Giacobbe – Jakobsbrunnen onlus” è iscritto al Registro provinciale per le organizzazioni di volontariato in base al decreto del Presidente della Giunta provinciale n. 57/1.1 del 01.03.2011.

Data l’attività dell’associazione l’iscrizione è relativa a due sezioni del Registro: “settore socio-sanitario” e “settore cultura, educazione e formazione”.

L’associazione è dunque ONLUS di diritto ai sensi del Decreto Legislativo 460/97 (art. 10, comma 8).

Ne consegue che le offerte devolute all’associazione possono essere detratte in sede di dichiarazione dei redditi.

In particolare:

Nella misura del 19% possono essere detratti dal reddito fiscale:

* erogazioni di denaro da parte di persone fisiche fino a 2065,63 €

* erogazioni di denaro da parte di soggetti titolari di reddito di impresa, di enti non commerciali, di società nonché di enti non commerciali fino a 2065,63 € o al 2% del reddito di impresa dichiarato

* contributi associativi fino a 1.291,63 € a favore delle società di mutuo soccorso riconosciute come ONLUS.

* Inoltre sono deducibili ai fini della determinazione del reddito di impresa erogazioni liberali non superiori a 2.065,63 € o al 2% del reddito d’impresa dichiarato.

Ulteriori informazioni sul sito della Provincia Autonoma di Bolzano.

Sr. Bruna dalla Libia
1.3.2011 - Oggi alla trasmissione “Mentre” di TV2000, collegamento telefonico dalla Libia con sr. Bruna Menghini, missionaria a Yephren:

IL VIDEO

http://www.mentre.tv2000.it
 

Appuntamenti
26.2.2011 - L’assemblea ordinaria dell’associazione “Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen” è stata convocata per il giorno 4 marzo, ore 20.30.

Mentre - TV2000
16.2.2011 - Venerdì 18 febbraio, ore 15, su TV2000,
alla trasmissione
“Mentre”, i ragazzi del clan Agesci di Merano parlano delle loro esperienze in Israele ed Africa:

http://www.tv2000.it
http://www.mentre.tv2000.it
 

Niger: trovata l’acqua
13.2.2011 - Nel villaggio di Goubawa, dove da mesi si scava un pozzo, è stata trovata finalmente l’acqua. Si trova alla profondità di 63 metri. La squadra degli operai continua a scavare.

Notizie dal Niger
4.2.2011 - Clicca qui

Mentre - TV2000
21.1.2011 - Venerdì 21 gennaio, ore 15, su TV2000,
alla trasmissione
“Mentre”, il Pozzo di Giacobbe:

IL VIDEO

http://www.mentre.tv2000.it
 

Visitati i progetti in Africa
10
.1.2011 - E’ tornata in Italia la delegazione del Pozzo di Giacobbe che ha visitato i progetti in Africa dal 26.12 al 10.1. In particolare si tratta delle seguenti iniziative:

In Burkina Faso: il progetto di animazione culturale (incontro con i responsabili dell’Ocades e i rappresentanti di un gruppo teatrale); la prossima realizzazione di una perforazione con tre abbeveratoi nel villaggio di Tougrboulli; la visita al vescovo di Dori in vista di progetti futuri.

In Niger:
lo scavo di un pozzo nel villaggio di Goubawa, missione di Dosso.

In Benin:
due pozzi realizzati nei villaggi di Salimanga e Djantala; una cappella nel villaggio di Guiguisso; la casa di accoglienza per bambine a Djougou.

Il viaggio è servito per consolidare i rapporti esistenti, per instaurarne di nuovi e per constatare che tutto procede per il meglio.

Altre immagini su Facebook





Notizie dal Niger
22.12.2010 - Clicca qui

Delegazione del Pozzo in Africa
8
.12.2010 - Una delegazione del Pozzo di Giacobbe sarà in Africa dal 26.12 al 10.1. Visiterà i progetti in corso in Benin, Burkina Faso e Niger. 
Chi volesse contribuire alla realizzazione di un pozzo in Benin o in Burkina Faso può farlo con un versamento sul conto del Pozzo (
IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000)

Chiacchierata attorno al pozzo
8
.12.2010 - Con chi lo desidera ci ritroviamo per un “vespro attorno al pozzo” e per una chiacchierata venerdì 17 dicembre, alle ore 18.00, nella chiesa di Santo Spirito a Merano. Sarà con noi don Michele Tomasi. Sarà l’occasione per un confronto tra diverse realtà sul tema dell’impegno e delle scelte. Organizzano i ragazzi del Clan del gruppo scout, i giovani del seminario di Bressanone, gli amici del Pozzo.

Educazione e dialogo
30.11.2010 - Il progetto finanziato dal Pozzo di Giacobbe (assieme alla comunità di Vipiteno e ad altri) in Israele, ci scrive il referente don Gioele Salvaterra, è in fase di programmazione. Si tratterà di un fine settimana per giovani famiglie con figli in cui il tema trattato sarà soprattutto quello dell’educazione dei figli all’interno della società israeliana, dove i bambini cristiani sono minoranza assoluta nella scuola e nella società e devono quindi imparare a convivere con gli altri mantenendo la propria fede ma restando aperti all’incontro. L’incontro si terrà a Tiberiade presso la Casa Nova. Sarà organizzata parallelamente un’attività per i bambini. I responsabili delle diverse comunità (ed in particolare di quelle con più famiglie: Giaffa, Haifa, le comunità russofone, Be’er Sheva) hanno ricevuto il compito di individuare coloro che possono essere interessati e di trovare insieme un fine settimana nel periodo di Quaresima.

Notizie dal Niger
29.11.2010 - Clicca qui

Mentre - TV2000
4
.11.2010 - Del Pozzo di Giacobbe e di tante altre iniziative intorno al mondo si è parlato e si parla ogni pomeriggio a “Mentre” (ore 15.00, ore 22.30), la nuova trasmissione di TV2000.

Altre notizie su Youtube
e su Facebook

 

Il vescovo Paul a Merano
20
.10.2010 - Tre giorni intensi trascorsi da mons. Paul Vieira, vescovo di Djougou, in Trentino Alto Adige. Sabato 17 ottobre ha incontrato l’arcivescovo Bressan (Trento) e i ragazzi del clan Agesci di Merano. La domenica ha concelebrato la messa nella chiesa di S. Spirito e nel pomeriggio ha portato la sua esperienza agli amici del Pozzo di Giacobbe. Lunedì, infine, tappa a Bolzano: incontro con la cooperazione provinciale, interviste alla radio diocesana e visita al vescovo Karl Golser.

Altre immagini su Facebook

Vespro attorno al pozzo
15
.10.2010 - Con chi lo desidera ci ritroviamo per un “vespro attorno al pozzo” e per una chiacchierata domenica 17 ottobre, alle ore 17.30, nella chiesa di Santo Spirito a Merano. Sarà con noi il vescovo di Djougou (Benin) mons. Paul Vieira. Sarà l’occasione per ascoltare, dopo il vespro, l’esperienza di una persona che opera in un contesto multireligioso e multiculturale. Con mons. Paul abbiamo già realizzato due pozzi in villaggi in cui convivono persone di fede e cultura diversa.

Pozzo a Goubawa
9.8.2010 - Aperto il cantiere a Goubawa, in Niger, dove si sta realizzando un pozzo molto profondo. Attualmente lo scavo ha raggiunto i 13 metri. (cfr. Facebook)


 

Favole del Perù
17
.7.2010 - Il libro Il sole è mio padre, favole del Perù raccolte da Paolo Valente, è stato presentato il 16 luglio, nella sala Teatro di Vigo di Ton (TN), in occasione dell’inaugurazione della mostra di mobili andini allestita dall’Operazione Mato Grosso.
Il progetto ha il contributo del Comune di Merano, Assessorato alla Cultura, e della Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano.

 

Pozzo a Djantala
24
.6.2010 - Avevano raccolto 2.600 euro con la diffusione del libro “Da sudditi a cittadini. Quando nasce la Costituzione”. I ragazzi dell’istituto “La Rosa Bianca” di Cavalese, guidati dal professor Francesco Pugliese, avevano consegnato la somma all’associazione “Pozzo di Giacobbe” per contribuire alla realizzazione di un pozzo in un villaggio del Benin, in Africa occidentale (costo totale 3.500 euro). Ora il pozzo c’è. Ne beneficia la popolazione di Djantala, un villaggio in cui convivono persone appartenenti a diverse etnie e tradizioni religiose.
Per “La Rosa Bianca” si tratta del secondo pozzo realizzato in Africa. Il primo era stato costruito in Burkina Faso con la diffusione della “Guida al Museo di nonno Gustavo”.

 

Parole e musica da Merano al mondo

Teatro Puccini affollato martedì sera per lo spettacolo nato dalla collaborazione tra l’Istituto Musicale Vivaldi, il “Pozzo di Giacobbe” e il gruppo scout di Merano, tre realtà ognuna delle quali dimostra a suo modo come presenza e partecipazione possano contribuire ad animare in positivo il contesto sociale. Gli allievi dell’Istituto Vivaldi, guidati dal maestro Luigi Lupo e dagli altri insegnanti, presentati dal maestro Valenti, si sono susseguiti dando il meglio di sé. I ragazzi del clan “Help” (gruppo scout Merano 1) hanno letto alcuni testi provenienti da tutto il mondo per trasmettere questo messaggio: il nostro futuro dovrà fondarsi sul dialogo e l’incontro tra le culture.

Le offerte raccolte tra il pubblico contribuiranno a finanziare i progetti del “Pozzo di Giacobbe” in Niger e in Israele.

L’Istituto Musicale Vivaldi si conferma sempre più una risorsa per Merano, capace di trasmettere non solo l’amore per la musica, ma anche la bellezza dell’impegno per il bene comune.

 

Parole e musica
13.5.2010 - Si terrà a Merano, nel teatro Puccini, il 25 maggio alle 20.00, il concerto voluto dall’Istituto Musicale Vivaldi per sostenere i progetti del Pozzo di Giacobbe. (altro)

Favole dell’America Latina
7.5.2010 - Le favole dell’Ecuador sono state presentate alle classi 4A e 4B della scuola di Caraglio in occasione del Salone del libro per ragazzi di Bra. I bambini, preparati e interessati, hanno appreso quanto è importante la comunicazione e lo scambio tra le culture del mondo. (immagini)
 

Il teatro al servizio della pace sociale
5.5.2010 - Ha preso il via domenica scorsa a Ouagadougaou, capitale del Burkina Faso, il progetto promosso dall’associazione meranese “Pozzo di Giacobbe”, che mira alla valorizzazione delle culture locali e del dialogo tra i gruppi etnici. Temi molto attuali anche in Alto Adige.
Un buon numero di spettatori si è riunito presso la parrocchia di Notre Dame du Rosaire del quartiere di Kologh-Naaba per assistere al primo spettacolo teatrale messo in scena dalla compagnia «La Convergence». Si tratta in sostanza di simulare un conflitto per cercare poi riposta e soluzione nelle pratiche relazionali radicate nella tradizione locale. Tali pratiche consentono ai vari gruppi etnici che convivono in Burkina Faso di mantenere gli eventuali conflitti entro limiti accettabili, riuscendo a stemperare tensioni e polemiche.
La popolazione di Kologh-Naaba ha interagito bene con gli attori dimostrando così l’efficacia dell’intervento. Lo spettacolo sarà replicato nei prossimi giorni in altre parrocchia della capitale. Il progetto, finanziato dal Pozzo di Giacobbe e realizzato dalla Caritas del Burkina Faso, proseguirà con altre analoghe iniziative.

 
Pozzo del dialogo
12.4.2010 - E’ stato aperto nel villaggio di Salimanga (Nord del Benin) il primo “pozzo del dialogo”. Un grazie a tutti quanti hanno contribuito.

Vespro attorno al pozzo
2
8.3.2010 - Con chi lo desidera ci ritroviamo per un “vespro attorno al pozzo” domenica 28 marzo, alle ore 18.00, nella chiesa di Santo Spirito a Merano.
Un’occasione anche per scambiarsi gli auguri e qualche informazione sui progetti in corso. Ringraziamo fin d’ora quanti hanno contribuito in questi mesi con le loro offerte, piccole, grandi, ma sempre ugualmente gradite.

Nuovo pozzo con la Rosa Bianca
18.3.2010 - Finanziato in gran parte dai ragazzi dell’Istituto “La Rosa Bianca” di Cavalese, guidati dal prof. Francesco Pugliese (che si ringraziano di cuore), un nuovo pozzo sarà realizzato nella zona del Nord del Benin, dove sta per essere inaugurato, nel villaggio di Salimanga, il primo “pozzo del dialogo”. (il testo del comunicato)

Rassegna stampa
16.2.2010 - Da: GrilloNews

Rassegna stampa
11.2.2010 - Pozzi per la convivenza (da: QuiMerano)
Nuovo IBAN
12.1.2010 - L’associazione “Pozzo di Giacobbe - Jakobsbrunnen” si è costituita formalmente. Il nuovo IBAN per i versamenti è IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000 (BIC: CRBZIT2B020)

Notizie di fine anno
31.12.2009 - * Raccolta la somma necessaria alla realizzazione del pozzo di Salimanga!!! * Parte la campagna per finanziare un secondo pozzo! * Attivata la possibilità del “sostegno a distanza” (adozione a distanza): 200 euro all’anno per sostenere un centro che accoglie bambini (in Africa e America Latina) * Altre iniziative in cantiere (a favore di chi opera a Be’er Sheva ecc.)...

Un pozzo in Africa
20.12.2009 - Stiamo raccogliendo i fondi per realizzare un pozzo in Benin (Africa Occidentale), a Salimanga, un villaggio in cui convivono cristiani, musulmani e fedeli delle religioni tradizionali.

Attorno al pozzo
20.12.2009 - Primo “vespro attorno al pozzo” (e attorno al presepio) domenica 20 dicembre, nella chiesa di Santo Spirito a Merano. Gli “amici del Pozzo” si sono ritrovati per una riflessione natalizia e per lo scambio degli auguri.

Sostegno a don Gioele
17.12.2009 - Stiamo verificando la possibilità di sostenere le attività di don Gioele Salvaterra, impegnato da alcuni mesi nel sud di Israele, in un contesto di compresenza di diverse culture e religioni.

Pozzo del dialogo
17.12.2009 - I ragazzi del Liceo Classico Carducci (Merano), nell’ambito delle loro attività di autofinanziamento, hanno destinato una parte delle entrate alla realizzazione del “pozzo del dialogo”

Jacob’s Well

Pozzo Di Giacobbe

Jakobsbrunnen

info: info-jacob@alice.it

  www.facebook.com/pozzo.giacobbe

 

Per aiutarci - Hilf uns - Aid us:
 
IBAN: IT50 E060 4558 5900 0000 0239 000
(BIC: CRBZIT2B020)
IBAN: IT40 H058 5658 5900 4057 1239 889 
(BIC: BPAAIT2B040)

5x1000: codice fiscale - Steuernummer: 91048880214

 

home